rimborso del voucher

Voucher in scadenza? Ti spiegheremo, in questa breve guida, come chiedere il rimborso alle compagnie aeree.

Cos’è il voucher

Quando lo scorso anno la pandemia ci ha colti di sorpresa, molti viaggiatori sono rimasti a terra. Letteralmente. C’è chi aveva prenotato già le sue vacanze estive, chi aveva in programma un weekend oppure un viaggio fuori stagione. La cancellazione dei voli, e i lockdown imposti un po’ in tutto il mondo, hanno dato il via alle richieste di rimborso. Ma, in un primo momento, le compagnie aeree rifiutavano di restituire il denaro. Emettevano invece dei voucher per un volo futuro, nella speranza che presto il turismo sarebbe ripartito. Una speranza ancora oggi molto incerta (sebbene si stia lavorando ad un Green Pass per i viaggi nell’Unione Europea).

Validi per 12 mesi, successivamente con l’introduzione dell’art. 182 della Legge di conversione del 17 luglio 2020, n. 77 è stato stabilito che la validità dei voucher non sarebbe stata più di 12 ma di 18 mesi. Tuttavia, chi non ha utilizzato il voucher può comunque richiedere la restituzione in denaro della somma versata per i voucher emessi più di 12 mesi fa, a partire dalla data di emissione del buono. La compagnia a sua volta dovrà provvedere al rimborso del costo del biglietto entro 14 giorni dall’invio della richiesta.

Se sei tra coloro che hanno ricevuto un voucher, e questo sta per scadere, ecco come puoi vederti restituire i tuoi soldi.

Come chiedere il rimborso del voucher

Per chiedere il rimborso del voucher devi rivolgerti alla compagnia aerea con cui avresti dovuto volare, e seguire le procedure indicate per il rimborso.

Ryanair ha emesso voucher utilizzabili entro 18 mesi per la prenotazione di un nuovo volo, ma anche per l’acquisto di opzioni accessorie (bagagli, imbarco prioritario ecc). Se non si utilizza il buono entro 18 mesi è possibile compilare la richiesta di rimborso.

EasyJet ha esteso la validità dei suoi voucher fino alla fine del 2021. O meglio, l’acquisto deve essere fatto entro il 31 dicembre 2021 ma si può volare anche nel 2022 (tanto che sono già in vendita i voli fino al 31 maggio). Attualmente non è previsto dunque un rimborso in denaro.

Le maggiori compagnie aeree hanno invece predisposto una sezione del sito proprio per il rimborso dei voucher. L’ha fatto Lufthansa, e l’ha fatto Alitalia. Che così scrive: “In caso di mancato utilizzo del voucher entro i 18 mesi di validità verrà rimborsato il valore originario del biglietto acquistato, o il valore residuo del biglietto in caso di utilizzo parziale del voucher. Il rimborso potrà essere inoltre richiesto, a scelta del passeggero, decorsi 12 mesi dalla data di emissione”.

Sebbene diversi voucher siano in scadenza, non tutti i vettori si sono però organizzati. E le autorità premono: un piano di rimborso è necessario.


Se non hai ancora ottenuto un rimborso o vuoi ottenere la conversione in denaro del tuo voucher contattaci!

Richiedi qui il tuo rimborso