|

Vacanze in crociera: Genova e Fort Lauderdale tra i più comodi porti d’imbarco

Se l’entusiasmo e lo spirito d’avventura non vi mancano e volete visitare quanti più posti possibile, allora il vostro prossimo viaggio dovrebbe essere una crociera. Che sia nel Mediterraneo o tra i Fiordi e il freddo del Nord Europa, che sia un percorso attraverso la cultura e i colori dell’estremo Oriente o il mare cristallino e rilassante dei Caraibi, la cosa importante è partire con entusiasmo ma preparati a dovere.

 

 

Dopo aver scelto la meta, e prima di preparare la valigia, resta così una domanda: come sarà organizzato il porto di partenza, sarà semplice arrivarci o servirà un po’ di tempo e organizzazione in più?

Tra i porti meglio organizzati per le partenze dall’Italia, ad esempio, c’è quello di Genova. Qui il collegamento tra porto e aeroporto o stazione ferroviaria è abbastanza agevole. Lo scalo “Cristoforo Colombo” dista solo 7 km, più o meno un quarto d’ora in taxi. Volendo servirsi dei mezzi pubblici invece, la soluzione più semplice sarà prendere il “Volabus” che in 30 minuti collega l’aeroporto ligure con le stazioni di Brignole e Principe. Quest’ultima si trova a circa 600 metri dal terminal crociere. Il porto di Genova è comunque noto per le sue attrazioni, tra cui il bellissimo acquario, e sarà anche semplice ingannare piacevolmente il tempo in caso di arrivo anticipato in città.

 

 

Se poi la meta prescelta per la vacanza in nave è dall’altra parte dell’oceano, e quindi verso il meraviglioso blu dei Caraibi, allora il porto più conosciuto, utilizzato e organizzato è Port Everglades, a Fort Lauderdale.

Il terminal delle crociere dista meno di 5 km dall’aeroporto cittadino, raggiungibile quindi in pochi minuti in auto (taxi o uber che sia). Esiste comunque anche una comoda navetta che in 10 minuti copre la breve distanza che collega porto e aeroporto. Everglades è raggiungibile tramite navetta anche dall’aeroporto di Miami. Serviranno 40 minuti per coprire i circa 50 km di distanza tra i due scali.

 

 

Secondo il rapporto “Speciale Crociere 2018” pubblicato dalla società “Risposte Turismo”, per l’Italia in quest’anno è previsto un aumento del traffico crocieristico dell’8,6% con 11 milioni di passeggeri. E tra i porti con lo sviluppo maggiore entro fine anno c’è quello di Venezia. Il terminal veneto è collegato ad aeroporto e stazione da piazzale Roma, che si trova a 400 metri da Venezia Santa Lucia e a 13 km dal Marco Polo. Una soluzione non troppo agevole, considerando anche la specificità del territorio del capoluogo veneto e che c’è anche un ponte da attraversare per arrivare al molo.

In ogni caso, dall’aeroporto verso piazzale Roma ci sono due possibilità (oltre il classico taxi, sia via mare che via terra). La prima opzione è che si può prendere l’autobus diretto della linea Atvo che in 20 minuti arriva in città oppure, seconda possibilità, l’autobus di linea che però effettua anche fermate intermedie e quindi impiega un po’ di tempo in più.

Qualsiasi sia la meta che sceglierete, in partenza da qualunque porto o aeroporto, non dimenticate di mettete in valigia il vostro animo da esploratori e godetevi la vacanza!