|

Quando la natura si riprende ciò che è suo: il cimitero di auto in Belgio

Lunga fila di auto abbandonate (nei pressi di Chatillon, in Belgio) durante la seconda guerra mondiale, taluni dicono per via di un ingorgo che vide i loro occupanti fuggire a piedi.

Ma (mi hanno fatto notare) molte fonti riportano una storia differente (e più verosimile) sul rimpatrio di autoveicoli appartenenti a militari americani di stanza in Europa (ho cercato documenti e, sebbene ambedue le versioni vengono definite come “leggende metropolitane” dai siti che ho trovato, la seconda è verosimile e viene citata più spesso e da fonti più affidabili). Ciò che conta è che, ad oltre 70 anni di distanza, la vegetazione è tornata a impadronirsi del luogo, rendendo la scena quasi post-apocalittica. Un tempo c’erano 500 auto, ora sono state in gran parte rimosse.

 

Lo potete osservare anche con Google Maps QUI

[sc:adsense]

Augusto Chiarle