|

Le città più vivibili al mondo? In Canada e in Australia

La classifica dell’Economist Intelligence Unit (che trovi a fondo pagina), che fornisce percentuali e punteggi sullo stile di vita di 140 città al mondo, ha scoperto che dal 2008 il punteggio medio della vivibilità globale è sceso con una media che va a sfiorare il 2%.

Gli ultimi cinque anni hanno visto disordini civili che sono diventati un fattore destabilizzante a livello mondiale creando malcontento per una serie di ragioni diverse. Tra questi ricordiamo la primavera araba, in Medio Oriente e Nord Africa, a partire dall’Egitto e conclusasi con la guerra civile in Siria e Libia. Le città di Damasco, Tripoli e Il Cairo hanno segnato forti cali nei punteggi di questi ultimi cinque anni, con la capitale siriana che ha visto una caduta del 20% in vivibilità e lo spostamento nelle parti basse della classifica.

[sc:adsense]

Scontri in Grecia

Scontri sui diritti civili hanno portato a disordini e proteste in Europa occidentale in particolare in Grecia, ma anche nel Regno Unito e più recentemente in Spagna. La Cina, che ha visto migliorare i livelli di vivibilità grazie agli investimenti in infrastrutture con standard di vita più elevati, ha vissuto anch’essa dei disordini, a causa di una serie di problemi sociali, in particolare le manifestazioni anti-giapponesi nei mesi di agosto e settembre dello scorso anno.

Bogotà

Nonostante questo ci sono stati alcuni cambiamenti positivi nella vivibilità globale di alcune città negli ultimi cinque anni. Bogotà in Colombia ha visto il più forte aumento di vivibilità media tant’è che i dati segnalano una diminuzione di atti di terrorismo, violenze e sequestri legati alla attività di guerriglia. Allo stesso modo, nonostante i disordini durante le elezioni, troviamo una situazione più stabile in Zimbabwe, inducendo così un aumento della vivibilità per la città di Harare, anche se la capitale rimane relegata al fondo di questa classifica.

Melbourne, Australia

Le prime 10 città più vivibili al mondo si trovano prevalentemente in Australia e Canada. Guida la classifica l’australiana Melbourne, seguita da Vienna (Austria) e con Vancouver (Canada) al terzo posto. Poi a parte Helsinki (Finlandia) e Auckland (Nuova Zelanda) è un predominio Australiano e Canadese: troviamo infatti Calgary, Adelaide, Sydney e Perth.
La prima europea dopo Vienna la troviamo al 16mo posto (Parigi). Tra le altre Londra al 55mo e New York al 56mo. E le italiane?

http://cdn.static-economist.com/sites/default/files/20130831_GDC299_1190.png

[sc:adsense]