Hotel e coronavirus: come cambierà il nostro soggiorno


Nelle prossime settimane si deciderà il futuro del turismo con nuove disposizioni e tempistiche su aperture delle regioni e delle strutture ricettive. Nel mentre l’Organizzazione mondiale della Sanità ha redatto le linee guida operative per la gestione dell’epidemia nel settore ricettivo con un documento provvisorio che comunque lascia già intendere non sarà affatto semplice garantire l’operatività delle strutture.

Hotel e coronavirus: distanze e sanificazione

Le distanze aumenteranno, le pulizie saranno più approfondite, ci saranno più servizi ai tavoli o in camera, e più pagamenti contactless, rapidi e più sicuri.

Si parla di dotazioni di kit medici nella struttura e guanti, camici e scarpe chiuse per gli addetti, di sanificazione di aree comuni e pulizie più approfondite per le camere, garantendo la necessità di mantenere il distanziamento sociale. Aumenteranno i dispenser di igienizzante nelle aree comuni.

Per quanto riguarda i tavoli per i pasti, vista la raccomandazione di avere quattro persone ogni 10 metri quadrati, la distanza tra il dorso di una sedia e l’altra dovrà essere maggiore di un metro. Sicuramente ci sarà qualche cambiamento anche nella gestione dei buffet, vista l’impossibilità degli ospiti di maneggiare il cibo.

L’idea e le linee guida del protocollo “Accoglienza sicura”, stilato e firmato da Federalberghi, Confindustria Alberghi e Assohotel Confesercenti in conformità al documento dell’OMS è quella di garantire al cliente il massimo della sicurezza nonostante l’emergenza.

Sono queste alcune delle linee guide che FederalberghiConfindustria Alberghi e Assohotel Confesercenti hanno stilato e raccolto in un unico protocollo chiamato ‘Accoglienza sicura’.

“Abbiamo lavorato – anticipa all’Ansa Alessandro Nucara, direttore generale di Federalberghi – con l’obiettivo di assicurare agli ospiti delle strutture ricettive il massimo livello di protezione, senza per questo ‘ospedalizzare’ l’albergo. Abbiamo chiamato il protocollo ‘accoglienza sicura’ perché il turista che arriva in albergo deve poter beneficiare del risultato (soggiornare in un ambiente sano e protetto) senza modificare il ritmo della sua vacanza. All’ospite – aggiunge Nucara – chiediamo di collaborare facendo né più né meno di quel che gli è richiesto di fare nella sua vita quotidiana: lavarsi frequentemente le mani, mantenere la distanza di un metro e, quando prescritto, indossare la mascherina”.


Hotel e coronavirus: i dettagli

Reception

Obiettivo numero uno: evitare le code alla reception. Informazioni e copia dei documenti dovranno essere inoltrati precedentemente. Saranno favoriti i pagamenti contactless, ovvero senza l’uso dei contanti. Da parte degli addetti ci sarà il suggerimento verso i clienti di tenere la chiave per la durata del soggiorno e le strutture, ove possibile, si organizzeranno per il passaggio alle chiavi elettroniche o a sistemi di self check-in. Potranno anche essere previsti percorsi differenziati per l’entrata e l’uscita.

Pulizia delle camere

Federalberghi informa che il personale specializzato per la pulizia delle camere sarà formato attraverso manuali e videotutorial sulle nuove misure d’emergenza e sanificazione. La pulizia quotidiana sarà rafforzata, prestando particolare attenzione agli oggetti che vengono in contatto con l’ospite (interruttori, maniglie, telefono, telecomandi). Per assicurare il massimo dell’igiene, potrebbero essere rimossi arredi come i tappeti, nonché tutte le decorazioni che non sono facilmente sanificabili. Il personale addetto alle pulizie cambierà i guanti a ogni stanza e, alla fine del soggiorno, le camere verranno sanificate.

Colazione, bar e ristorante

Mascherine e guanti per camerieri e sarà suggerito il servizio al tavolo, in camera (a richiesta del cliente) o il take away. Nessun distanziamento tra le persone dello stesso nucleo familiare, ma restrizioni soltanto tra “estranei”.

Buffet

Restrizioni per i buffet, favorendo i servizi a tavola o in camera. In molti caso saranno evitati o altrimenti messi sotto vetro e serviti dal cameriere con guanti e mascherina.

Hotel e coronavirus: il documento

Ci saranno informative in diverse lingue per ricordare il comportamento da adottare, mentre in punti strategici saranno installati dispenser di gel igienizzante. Per quanto riguarda gli altri spazi comuni, saranno adottate tutte le misure di sicurezza ritenute necessarie.

A questo link trovate il documento provvisorio dell’OMS con le linee guida per hotel e coronavirus.


Turismo: qualcosa si muove

L’Alto Adige riapre

L’Alto Adige spinge sulla fase 2 più di tutti e riapre, facendo già l’occhiolino al turismo. La nuova legge prevede la libertà di movimento sul territorio regionale senza autocertificazioni.

Scopri cosa fare in Alto Adige

Quindi gli spostamenti, all’interno del territorio provinciale e nel territorio trentino, sono liberi, mentre quelli verso altre regioni sono consentiti per ragioni di lavoro, di salute, di assoluta urgenza e per tutti gli altri motivi previsti dalla normativa statale. Se Austria e Svizzera lo consentiranno, sarà possibile varcare i rispettivi confini.


L’Isola d’Elba si prepara per la stagione

Traghetti a portata ridotta con controlli agli imbarchi, arrivi e partenze in qualsiasi giorno della settimana, informazioni in tempo reale per scegliere le spiagge con meno persone, prenotazioni senza caparra, cene in camera e 400 chilometri di sentieri in cui il distanziamento sociale è sempre stata la normalità.

Scopri i nostri consigli sull’Isola d’Elba

Anche l’Isola d’Elba è pronta a ripartire, adeguandosi alle nuove regolamentazione per non perdere i turisti.