|

Code per l'aeroporto di Torino Caselle, passeggeri a piedi in autostrada

Una giornata da dimenticare per i passeggeri diretti all’aeroporto di Torino e per il Comune di Caselle Torinese. Quasi due ore per percorrere un chilometro, passeggeri costretti ad abbandonare taxi, pullman e automobili per percorrere l’ultimo tratto stradale a piedi con tanto di bagagli al seguito.

Una scelta poco ingegnosa quella del Comune di Caselle che ha deciso di riasflatare il manto stradale che porta allo scalo aeroportuale nelle ore di punta, chiudendo gli svincoli principali e per di più utilizzando una sola corsia, con automobili bloccate ed incolonnate in balia dell’anarchia dato che ci segnalano la totale assenza di enti predisposti alla gestione del traffico come ad esempio i vigili urbani.

[sc:adsense]

Passeggeri arrabbiati, stanchi ed accaldati hanno espresso tutto il loro disappunto, tant’è che le lamentele sono arrivate fino alle orecchie della direzione comunale che ha deciso di continuare i lavori ma cambiando totalmente gli orari, spostandoli con un “colpo di genio” nelle ore notturne.

In un comunicato stampa SAGAT, società che gestisce lo scalo di Torino Caselle, comunica che l’intervento manutentivo è stato riprogrammato nelle ore notturne, e in particolare:

– nella notte tra giovedì 17 luglio e venerdì 18 luglio dalle ore 23.00 alle ore 5.30
– nella notte tra venerdì 18 luglio e sabato 19 luglio dalle ore 22.00 alle ore 5.30

con modifiche alla viabilità di accesso all’Aeroporto. Inoltre “SAGAT S.p.A. si scusa con tutti i passeggeri che ieri hanno affrontato rallentamenti e code per raggiungere l’aerostazione o per uscire da essa e ringrazia il Comune di Caselle per aver prontamente accolto la richiesta di adoperarsi per il contenimento dei disagi”

[sc:adsense]