|

Back from Venezia – Fascino senza tempo tra lusso e semplicità

Città che amo alla follia e che mi ha regalato alcuni dei momenti più belli della mia vita.
Ponte di rialto
Suggestiva e affascinante come nessun’altra, romantica, elegante, semplicemente unica al mondo, Venezia è nel mio cuore dal primo giorno in cui vi ho messo piede, o quasi.
Venezia vista dal Canal Grande
Imparare ad amarla è stato facile, imparare a conviverci un po’ meno.

Dai ritmi frenetici di Milano alla lentezza dei vaporetti in laguna, dalle code in macchina in autostrada alle lunghe camminate per spostarsi da un capo all’altro della città, dai costosi e modaioli locali meneghini alle più rustiche osterie dove ancora un ombra di vino la si paga un euro e cinquanta, Venezia sembra esattamente tutto quello che non è.

Città elegante e famosa in tutto il mondo, nasconde invece l’anima di un paese di provincia in cui tutti si conoscono, città che non ha perso il suo dialetto, nemmeno tra i giovanissimi, e che diffida di chi nel parlare non sfoggia la sua caratteristica cadenza; città simbolo universale di moda, glamour e mondanità, ma dove gli aperitivi poi si fanno in scarpe da tennis e infradito, non all’interno dei locali più di tendenza, ma all’esterno dei peggiori bacari, con un bicchiere di spritz in una mano e una polpetta di carne nell’altra.

[sc:adsense]

Così piccola eppure così difficile da girare per il turista, laddove le indicazioni stradali dipinte sui muri dicono tutto e il contrario di tutto.

E allora perdetevi per le sue calli, voi che ancora ci riuscite, perché ognuna vi regalerà un angolo, uno scorcio che vi resterà nel cuore, andate e camminate finché la stanchezza non prenderà il sopravvento. Fate un salto al caratteristico mercato del pesce e della frutta di Rialto per osservare da vicino il via vai mattutino di barche che caricano e scaricano le loro merci e da qui fermatevi al Muro in Erbaria, ai piedi del Ponte, per un ottimo calice di vino con vista sul Canal Grande, nelle giornate di sole è uno spettacolo.

Piazza San Marco

Fate shopping nelle boutique in Frezzeria, la strada del lusso che si snoda dal Teatro La Fenice a Piazza San Marco e fermatevi a bere qualcosa al leggendario Cafè Florian, camerieri in livrea e accompagnamento musicale renderanno il vostro aperitivo indimenticabile, oltre che il più caro che abbiate mai bevuto. Prenotate con anticipo il vostro spettacolo alla Fenice, storico teatro del 1790 risorto due volte dalle sue stesse ceneri, simbolo della Venezia artistica e culturale e tappa imperdibile per gli amanti dell’Opera e della musica classica, qui ho visto La Traviata più bella ed emozionante di sempre e una coreografia per il Bolero di Ravel che ancora mi fa venire la pelle d’oca.

Fate un salto al Remer per un aperitivo di alta classe e godetevi lo spettacolo del Canal Grande sorseggiando un calice di Prosecco nel suo campiello, romantico, suggestivo, una location che mi ha sempre affascinato e che resta uno dei miei locali preferiti per un drink in laguna. Cenate poi al Cafè Centrale, magnifico ristorante di design situato all’interno di un’antica residenza veneziana del 1500, a due passi da Piazza San Marco e con quel tocco glamour che ricorda i più modaioli club di New York, una cucina raffinata con ingredienti freschissimi e di qualità eccellente, cura maniacale nelle presentazione dei piatti e piacevoli abbinamenti di sapori inconsueti in un’atmosfera elegante e alla moda. Il top dell’isola se si vuole stupire.

E ancora, soggiornate al bellissimo Hilton Molino Stucky, un ex mulino per la macina del grano splendidamente restaurato, si trova sull’Isola della Giudecca e si raggiunge in cinque minuti di taxi acqueo privato. Location affascinante e unica nel suo genere, hotel lussuoso ed elegante che vanta il più modaiolo ed esclusivo Skyline Rooftop Bar della città, cocktail strepitosi al chiaro di luna e una vista sulla città da togliere il fiato.

Non perdetevi il suo incredibile Carnevale, unico, magnifico, fatto di feste nei campi fino all’alba, colore, allegria e costumi esilaranti, e nemmeno il più atteso e affascinante evento di tutto l’anno, la festa del Redentore al terzo sabato di Luglio, quando la città si illumina dei più bei fuochi d’artificio di sempre e la laguna si carica di un’atmosfera che a parole non si può spiegare.

Amo questa città incredibile e unica al mondo capace di far vivere emozioni inspiegabili e di cui scriverò ancora e ancora, vivetela intensamente e non perdetevi nulla, ogni calle, ogni campo sarà una scoperta, ogni suo scorcio, ogni suo angolo vi ruberà il cuore.

[sc:adsense]