Passaporto, nuove regole. E’ ufficiale: non si paga più bollo annuale

Sono ufficialmente operative le nuove regole sui Passaporti. Lo dice la Questura. Buone notizie quindi per chi ha appena fatto o rinnovato il Passaporto.

In poche parole:

- la marca da bollo si paga soltanto una volta, all’emissione del Passaporto (40,29 euro)

- eliminato l’obbligo del pagamento del bollo annuale

- l’emissione aumenterà leggermente e sarà calcolata da una spesa di 42,50 euro del costo del libretto a un aggiunta di un contributo amministrativo di 73,50 euro (quando prima era 40,29 euro ovvero il costo della marca da bollo annuale)

Quindi? L’emissione si paga di più rispetto a prima (116 euro in confronto agli 82,79 di prima), ma evitando di pagare il bollo annuale si arriva negli anni a risparmiare una bella cifra. Ad esempio calcolando un risparmio in 5 anni si raggiunge la somma di 201,45 euro risparmiati, calcolando nell’arco dei 10 anni ben 402 euro.

Chi ha già un passaporto in corso di validità e deve andare all’estero? Non deve pagare la tassa annuale.

Lo dice il sito della PoliziadiStato: “Dal 24 giugno 2014 è abolita la tassa annuale del passaporto ordinario da € 40,29. Pertanto tuti i passaporti, anche quelli già emessi, saranno validi fino alla data di scadenza riportata all’interno del documento per tutti i viaggi, inclusi quelli extra UE, senza che sia più necessario pagare la tassa annuale da € 40,29″

Documenti da presentare:

- un documento di riconoscimento valido

- 2 foto formato tessera identiche e recenti

- Un contrassegno telematico da € 73,50 acquistabile come sempre nelle rivendite di valori bollati (per chi avesse già acquistato il contrassegno da 40,29 € dovrà integrarlo con uno da 33,21 €)

Per info e chiarimenti visitate qui il sito della PoliziadiStato

 

Comments

comments

Daniel Mazza
Viaggiatore classe '88, blogger per passione e creatore di MondoAeroporto. Il 2014 mi ha regalato un libro. Vivo con la valigia pronta e con il sorriso in tasca.