Aereo della Ethiopian dirottato dal copilota

L’aereo della Ethiopian era diretto da Addis Abeba a Roma, ma il copilota ha preso il controllo del velivolo quando il pilota si è assentato andando alla toilette. Ha dirottato il volo su Ginevra tentando di chiedere asilo politico in Svizzera ma è stato arrestato appena l’aereo ha toccato terra. A bordo c’erano 200 passeggeri, 138 italiani.

Repubblica.it

Ethiopian Airlines. Volo Addis Abeba – Roma. L’incubo è iniziato quando il copilota si è chiuso nella cabina di pilotaggio, approfittando della momentanea assenza del pilota che era in toilette. Ha corretto la rotta chiedendo alla torre di controllo dell’aeroporto elevetico di Ginevra di atterrare per rifornimento, avanzando anche la sua richiesta d’asilo politico, perchè nel suo paese (Etiopia) si “sentiva minacciato”.

SENTI L’AUDIO DEL DIALOGO

Il Boeing prima di atterrare è rimasto in volo sorvolando più volte la città prima di procedere con l’atterraggio, scortato da caccia italiani e francesi durante il suo tragitto aereo. Il copilota ha cercato di mettersi al sicuro calandosi dal portellone con una corda ma è stato bloccato e arrestato appena toccato il suolo.

Ethiopian Airlines in un comunicato scrive che l’aereo “è stato costretto all’atterraggio allo scalo di Ginevra invece che a Roma. L’atterraggio è stato normale e tutti i passeggeri sono illesi. La situazione ora sembra normalizzata”.

{}

“Abbiamo avuto davvero paura quando l’aereo continuava a volare sopra Ginevra. Il dirottamente credo sia iniziato mentre sorvolavamo il Sudan. Pensavo ci fosse qualche guasto invece poi abbiamo capito che probabilmente il pilota fosse impazzito!”, racconta uno dei passeggeri italiani che si trovava a bordo.

200 persone a bordo, 193 passeggeri, 138 italiani, 111 diretti a Roma, 82 a Malpensa.
La compagnia si sta attivando per mettere a disposizione un volo ai malcapitati passeggeri per tornare a Roma e l’unità di crisi della Farnesina ha inviato sul posto il console generale d’Italia.

Comments

comments

Daniel Mazza
Viaggiatore classe '88, blogger per passione e creatore di MondoAeroporto. Il 2014 mi ha regalato un libro. Vivo con la valigia pronta e con il sorriso in tasca.