Pistola nel trolley, arrestata hostess americana

La donna, di circa 60 anni, si trovava a Roma nei giorni in cui è avvenuta la serie di gambizzazioni

20130624_fiumicino

Aveva una pistola a tamburo smontata nel suo bagaglio a mano. Per questo una hostess americana di circa 60 anni è stata arrestata all’aeroporto di Fiumicino. La donna è stata trovata in possesso anche di una quarantina di proiettili, di cui cinque già esplosi. L’hostess ha soggiornato a Roma nei giorni in cui nella Capitale si è verificata una serie di gambizzazioni: si indaga per verificare gli eventuali legami.
L’hostess quando è stata arrestata dagli agenti della polizia di frontiera all’aeroporto di Fiumicino era in servizio su un volo della US Airways da Roma a Charlotte. Al rinvenimento dell’arma, una pistola a tamburo modello “Sig Sauer” calibro 40, si è giunti durante i controlli di sicurezza a cui vengono sottoposti gli equipaggi. Poco prima di sottoporsi alle ispezioni di rito, la donna, di cui si conoscono le iniziali J.J., è stata vista compiere strani movimenti all’interno del suo bagaglio a mano.

Questo ha pertanto insospettito gli agenti addetti ai controlli di sicurezza, che hanno scoperto la pistola. Alle domande degli inquirenti, l’hostess ha risposto che l’arma l’aveva portata a Roma dagli Stati Uniti dove, stando al suo racconto, i controlli sugli equipaggi in partenza vengono fatti a campione.

Arrestata per porto d’arma abusivo, l’hostess è stata quindi trasferita nel carcere di Civitavecchia. Sarà a questo punto proprio la Procura della Repubblica di Civitavecchia, che ha aperto un’indagine, a cercar di far luce sulla vicenda e sui motivi per i quali la donna avesse con sé una pistola, seppur smontata. Da chiarire poi, attraverso appositi esami, quando quei colpi siano stati esplosi.

TgCOM

Comments

comments

Daniel Mazza
Viaggiatore classe '88, blogger per passione e creatore di MondoAeroporto. Il 2014 mi ha regalato un libro. Vivo con la valigia pronta e con il sorriso in tasca.