Cadavere nel carrello del volo Rimini-Mosca

La vittima, un uomo di colore, è morta assiderata. Il corpo, nascosto nell’Airbus 330 della compagnia “I Fly”, è stato trovato all’atterraggio in Russia

Si era nascosto all’interno del carrello di un aereo, ma è morto assiderato durante il volo. La vittima è un uomo di colore, il cui corpo è stato trovato dopo l’atterraggio all’aeroporto moscovita di Vnukovo di un airbus A330 partito da Rimini. Il cadavere è stato scoperto durante una ispezione del velivolo, della compagnia russa “I Fly”. I tecnici avevano visto macchie di sangue sul carrello.
Secondo fonti della polizia di frontiera di Rimini, sulla morte dell’uomo sono in corso tutte “le fasi di accertamento necessario in collaborazione con la polizia di Mosca”. Il volo su cui era salita la vittima – trovando riparo nel vano in cui c’è spazio sufficiente per almeno due persone – era partito in serata dall’aeroporto “Fellini” di Rimini, diretto allo scalo moscovita di Vnukovo, alle 20.10 con a bordo 320 persone, tutte registrate nella lista dei passeggeri in partenza.

Il velivolo era precedentemente atterrato in Romagna alle 18 con a bordo 350 persone prima di essere preparato per il ritorno nella capitale russa. Visto che l’ispezione tecnica dell’aereo – di competenza del personale della compagnia aerea – è stata compiuta una volta atterrato definitivamente nello scalo russo, non è escluso che l’uomo si fosse nascosto nel vano del carrello già nel primo viaggio diretto a Rimini.

TgCom24

 

 

Comments

comments

Daniel Mazza
Viaggiatore classe '88, blogger per passione e creatore di MondoAeroporto. Il 2014 mi ha regalato un libro. Vivo con la valigia pronta e con il sorriso in tasca.