Una hostess italiana fa causa a Ryanair in Norvegia: "E' un'azienda schiavista"

Guai legali in vista per Ryanair. In Norvegia, due hostess della compagnia, di cui una italiana, hanno fatto causa alla compagnia aerea low-cost per le condizioni di lavoro alle quali vengono sottoposti i dipendenti della società. Con il sostegno dei sindacati locali, le due dipendenti hanno dichiarato guerra al gruppo irlandese, accusato di violare le rigide leggi del lavoro del paese.

A riportarlo sono diversi siti di informazione norvegesi tra cui Dagens Næringsliv, attraverso il quale le hostess hanno denunciato Ryanair come un’azienda schiavista, dove regna la cultura della paura. In particolare, le hostess avrebbero dovuto pagare di tasca loro per la formazione, correndo un continuo rischio di licenziamento senza giusta causa e senza preavviso. Sarebbe inoltre mancata la copertura in caso di malattia e la società avrebbe fatto ricorso a intermediari in Irlanda per ottimizzare il profilo fiscale.
Alessandra Cocca, una delle hostess che si prepara a portare in Tribunale il gruppo, ha inoltre denunciato l’infrazione di alcune procedure di sicurezza e il mancato pagamento di benefit promessi inizialmente.

 

La denuncia sulle condizioni di lavoro offerte da Ryanair nel paese nordico rischia di rallentare i piani di crescita che la società aveva dichiarato per il mercato norvegese, uno dei più appetibili per le compagnie low-cost. La compagnia locale Scandinavian Airlines (SAS) aveva già provato a mettere i bastoni tra le ruote alla competizione low-cost negli scorsi mesi, denunciando i casi di evasione fiscale relativi che saranno ora presi in esame in Tribunale.

La questione riguarda in particolare l’aliquota imposta sui salari dei dipendenti che operano in Norvegia, che Ryanair paga dalla più conveniente Irlanda.
Intanto, anche lo storico rivale di Ryanair, Easyjet, ha puntato gli occhi sul mercato norvegese, dove si prepara a inaugurare nuove rotte.La strategia delle low-cost rischia dunque di minacciare ulteriormente la SAS in quanto EasyJet punta a anche sul segmento di chi viaggia per lavoro. Per il momento, la SAS si prepara a seguire le vicessitudini legali di Ryanair e ha dichiarato che qualsiasi tipo di concorrenza verrà presa seriamente in considerazione dalla compagnia.

 

IlSole24ore

Comments

comments

Daniel Mazza
Viaggiatore classe '88, blogger per passione e creatore di MondoAeroporto. Il 2014 mi ha regalato un libro. Vivo con la valigia pronta e con il sorriso in tasca.