40 gradi su un aereo Qantas. Passeggeri finiscono in ospedale

Sono stati ricoverati in ospedale per disidratazione e stress da calore

Due passeggeri su un volo Qantas in Australia sono stati ricoverati in ospedale per disidratazione e altri 50, compreso il personale di bordo, trattati per stress da calore, dopo che un guasto all’impianto di aria condizionata ha portato la temperatura a quasi 40 gradi. Il volo QF2240 da Sydney, diretto sull’isola turistica di Lord Howe, era decollato alle 11.50 di ieri, ma è stato costretto a rientrare due ore dopo a Sydney, dove era pronta una squadra medica.

Adam Wallace, del Servizio Ambulanze di Sydney, ha detto che i due pazienti ricoverati sono in condizioni stabili. «I paramedici hanno esaminato ciascuno paziente che era a bordo del volo, e ciascuno di loro ha riferito di aver sofferto in varia misura dal calore, ma solo due pazienti sono stati ricoverati per disidratazione», ha aggiunto.

La Qantas, compagnia di bandiera australiana, è in difficoltà da diversi mesi a causa di una domanda in diminuzione, della crescente concorrenza e di costi di carburante più alti. È stata anche colpita da dispute sindacali con i meccanici della manutenzione, con il personale di volo e anche con i piloti, agitazioni che nel 2011 hanno lasciato a terra l’intera flotta. Sono inoltre sorti problemi di sicurezza per il nuovo Boeing 787 Dreamline, che ne ritardano la consegna.

La Stampa.it

Comments

comments

Daniel Mazza
Viaggiatore classe '88, blogger per passione e creatore di MondoAeroporto. Il 2014 mi ha regalato un libro. Vivo con la valigia pronta e con il sorriso in tasca.