"I sogni nel cassetto non sono sogni!"

Scrivo. Scrivo da sempre. Forse è un modo di sfogarmi. Scrivevo da prima che non esistesse Facebook. Scrivo ora con qualche migliaio di persone che magari su questo social mi leggono, annoiate o interessate, non so. Questa città ti dà un’ispirazione incredibile. Saranno le mille opportunità che ti offre ogni giorno, c’è sempre qualcosa di nuovo da fare, da scoprire, da vedere e mi sento carico come non sono stato mai forse perchè sento che qualcosa si muove. Sono convinto che se provi a muovere le acque, crei della corrente e questa corrente forma delle onde. Le onde finiscono sempre per infrangersi su qualcosa. Che sia uno scoglio, che sia una spiaggia o una nave da crociera, l’onda una volta che parte non si ferma, continua la sua corsa con tutta la sua forza. Ed è così che sono convinto che la mia esperienza diventi sempre più interessante giorno dopo giorno. Io ho creato una piccola, minima corrente e la mia onda più passa il tempo e più prende “forza e convinzione” aspettando solo di finire la sua corsa sulla “spiaggia giusta”.

Harbour Bridge - Sydney Bay

E allora in un questo ultimo giorno d’estate Australiana ho preso le mie inseparibili cuffie e sono andato a percorrere nuove strade di questa immensa metropoli. Nelle mie orecchie, tra le tante, richieggiava “Carry On” dei Fun e nella strofa principale dopo i vari “We are invincible” ci è mancato poco che prendessi il volo dall’adrenalina. Un posto nuovo x andare a pranzo, un posto nuovo dove prendere il caffè. E che tu sia a Sydney, Parigi, in un piccolo paesino di campagna o nella tua città dovrebbe essere così. Non cadete nella monotonia. Cercate sempre nuovi stimoli e non dovete per forza fare scelte impossibili come ho fatto io: come dicevo, basta cambiare percorsi, posti e luoghi senza stravolgere la propria vita. Le imprese più grandi si differenziano nei dettagli, non servono gesti plateali o macroscopici. Si dice “prendi la direzione opposta all’abitudine e quasi sempre farai bene” e io, per quello che ho visto finora, posso anche togliere il “quasi”. Come primo passo per le vostre nuove abitudini oggi incominciate come prima cosa a prendere un bel caffè in un posto dove non siete mai stato. Seconda cosa, ma non per questo meno importante, se avete dei sogni nel cassetto è arrivata l’ora di tirarli fuori da lì, perchè i sogni nel cassetto non sono sogni.

Daniel Mazza

Seguimi su: Facebook o Twitter

Comments

comments

Daniel Mazza
Viaggiatore classe '88, blogger per passione e creatore di MondoAeroporto. Il 2014 mi ha regalato un libro. Vivo con la valigia pronta e con il sorriso in tasca.