Flight: la storia vera dell’incidente aereo che ha ispirato il film

Il film Flight, attualmente in programmazione nelle nostre sale cinematografiche, sta tenendo col fiato sospeso il pubblico italiano dopo aver fatto altrettanto con quello americani: l’interpretazione che Denzel Washington ha reso del controverso e disinvolto pilota Whip Whitaker gli ha regalato inoltre una nomination ai prossimi Oscar, una ai Golden Globes e una agli Screen Actors Guild Award.

 

Nel film, nonostante una condotta decisamente poco professionale, la bravura del pilota gli consente con una manovra azzardata ma provvidenziale (un volo rovesciato) di salvare la vita alla quasi totalità dei passeggeri del suo aereo. Una scena dal fortissimo impatto, che Robert Zemeckis ha voluto girare in maniera cruda e realistica, ricostruendo la cabina dell’aeromobile e facendola girare vorticosamente su una piattaforma per simulare il volo a testa in giù: i volti spaventati degli attori, che non si aspettavano tanta veridicità, non sono dunque una finzione e nei loro sguardi atterriti gli spettatori in sala possono veder rispecchiata la loro stessa tensione.

 

 

Il film ha, almeno per la maggior parte dei passeggeri del volto, un lieto fine, che però ha poco a che vedere con la vicenda che avrebbe ispirato il film, cioè il disastro del volo Alaska Airlines 261 del 31 gennaio 2000.

Come nel film, dopo aver denunciato “problemi agli stabilizzatori”, l’aereo in volo verso San Francisco cominciò a precipitare e si inabissò nell’Oceano Pacifico poco a nord dell’isola californiana di Anacapa, andando completamente distrutto nell’impatto con i marosi. Anche in quel caso, il pilota Ted Thompson tentò il tutto per tutto con un volo rovesciato, tanto che uno degli ufficiali a bordo commentò: “In volo rovesciato, ma almeno voliamo”, prima del tragico epilogo: degli 83 passeggeri e dei 5 membri dell’equipaggio infatti non sopravvisse nessuno. L’eroismo del vero pilota, a differenza del suo alter ego cinematografico, non solo non è mai stato in dubbio ma, anzi, gli è valso una medaglia al valore. Naturalmente postuma e purtroppo inutile.

Yahoo Cinema

Comments

comments

Daniel Mazza
Viaggiatore classe '88, blogger per passione e creatore di MondoAeroporto. Il 2014 mi ha regalato un libro. Vivo con la valigia pronta e con il sorriso in tasca.