Il pilota troppo ubriaco per ricordarsi la destinazione

George La Perle, pilota Delta Airlines, è stato arrestato ieri dopo dagli agenti di sicurezza che lo avevano fermato prima che si mettesse alla guida di un aereo praticamente ubriaco.

 

 

La storia è sui media anglosassoni: e diciamo che si sono insospettiti un po’ tutti quando il pilota ha affermato che il volo da lui guidato, partito da Londra Heatrow, era diretto a New York, quando invece i passeggeri si erano imbarcati per Detroit.

DETROIT O NEW YORK, CHE CAMBIA?
Si conclude davanti al giudice dunque la decennale carriera di pilota di La Perle.
Sentenziandolo martedì, il giudice Philip Mattews ha detto: “Eravate a conoscenza di dover copilotare un Boeing 767 sopra l’Atlantico con tutto quello che ne sarebbe conseguito, eppure avete senza problemi consumato alcool che, al momento del vostro arrivo ad Heathrow, dimostrava che il vostro livello era quattro volte superiore al limite prescritto per l’aviazione”.
Il suo avvocato difensore ha sostenuto che La Perle fosse “profondamente dispiaciuto” per quanto successo.

Archivio: 24 Gennaio 2011

Comments

comments

Daniel Mazza
Viaggiatore classe '88, blogger per passione e creatore di MondoAeroporto. Il 2014 mi ha regalato un libro. Vivo con la valigia pronta e con il sorriso in tasca.