Olanda, sospetto dirottamento aereo La Vueling nega: "Errore comunicazione"

L’emergenza è scattata dopo che il velivolo della compagnia spagnola ha perso i contatti con l’aeroporto di Amsterdam. Il ministero della difesa ha fatto alzare in volo due F16 a scortarlo. Poi la smentita ufficiale: “I passeggeri stanno bene. Si è trattato solo di “un’incomprensione tra il pilota e la torre di controllo”

 

 

AMSTERDAM – L’allarme è stato lanciato dai media olandesi. Dopo che un aereo passeggeri della compagnia Vueling, in arrivo a Amsterdam e proveniente da Malaga, aveva interrotto i contatti con la torre di controllo. Secondo l’agenzia olandese Anp, il velivolo era stato dirottato e a bordo diversi passeggeri erano stati presi in ostaggio. Alle 13,45 è scattato il piano di emergenza antiterrorismo.

Secondo le procedure il ministero della Difesa olandese ha fatto alzare in volo due F16 a scortare l’aereo durante la fase di atterraggio all’aeroporto Schiphol. Le teste di cuoio sono entrate in azione per circondare il velivolo. Poco dopo però è arrivata la smentita ufficiale. I 183 passeggeri a bordo sono tranquilli e la Vueling ha negato che il volo fosse mai stato dirottato. “Non c’è alcun dirottamento dell’aereo partito da Malaga e atterrato all’aeroporto Schiphol di Amsterdam”, secondo il portavoce della compagnia spagnola Vueling all’origine di tutto c’è stata solo una “incomprensione” tra il pilota e la torre di controllo. La polizia ha confermato poco dopo.

Contattato altelefono un passeggero dell’aereo ha poi confermato che a bordo “è tutto tranquillo, le porte sono chiuse ma non siamo in ostaggio”, hanno affermato i media locali citando fonti dell’antiterrorismo. Quando in Olanda si perde il contatto radio con un aereo civile in volo, la procedura prevede l’invio di due F16 per scortarlo, ha precisato un portavoce del ministero della Difesa olandese, secondo
cui “è sempre così”.

Repubblica.it

Comments

comments

Daniel Mazza
Viaggiatore classe '88, blogger per passione e creatore di MondoAeroporto. Il 2014 mi ha regalato un libro. Vivo con la valigia pronta e con il sorriso in tasca.