Aeroporti USA con percorsi jogging e yoga

Gli aeroporti USA diventano più salutari grazie allo Yoga e al passeggio

Gli aeroporti di solito non sono visti molto bene dai passeggeri abitudinari, soprattutto per quanto riguarda le lunghe code al check-in per l’imbarco dei bagagli. Se a questo si aggiunge poi lo stress lavorativo, è chiaro che questi luoghi che dovrebbero essere posti di passaggio, si rivelano invece a volte veri e propri inferni.

Gli aeroporti degli Stati Uniti d’America stanno cercando di invertire questa tendenza, proponendo un numero crescente di servizi tra cui corsi di Yoga gratuiti, percorsi per camminare e fare esercizio e, infine, cibi salutari, con pochi grassi e poche calorie. La tendenza quindi è quella di migliorare il rapporto tra i passeggeri e gli scali.

All’aeroporto di Dallas-Fort Worth si possono trovare lezioni di yoga gratis mentre a San Francisco, oltre allo yoga, sono disponibili trattamenti medici e vaccinazioni per chi si reca all’estero.

Gli aeroporti di Cleveland, St. Louis e Indianapolis presentano invece, in collaborazione con l’American Hearth Association, percorsi per jogging con l’obiettivo di trasformare gli amanti dello shopping negli scali in ‘passeggiatori di terminal’. Dietro alla maggiore dedizione nei confronti dei viaggiatori ci sono motivi economici. ‘

A tal proposito, Zenola Campbell, vice direttore dell’aeroporto di Dallas-Fort Wort dichiara che:

“Essere salutari non è solo un’opzione: è quello che i passeggeri chiedono. I viaggiatori, anche all’interno degli scali, vogliono poter scegliere tra McDonald’s e Au Bon Pain per frutta e yogurt”

Queste iniziative quindi fanno si che, i passeggeri, scelgano con più attenzione i voli in base agli scali che possono permettere questo tipo di attività. Anche in questo caso c’è stata una dichiarazione a tal proposito da parte stavolta di Kevin Smith, assistente del vice presidente dell’aeroporto di Dallas:

“C’è molta concorrenza fra gli scali. Noi vogliamo essere il più salutare del paese”.

Ovviamente poi, questi ‘programmi’ vanno a vantaggio del personale stesso che può così rilassarsi al meglio durante le pause lavorative. Pensate ad esempio ai turni di lavoro delle hostess: tra un volo e l’altro si possono tranquillamente rilassare con passeggiate e corsi di Yoga, oppure gustarsi un pranzo come si deve.

Non mancano però i fallimenti: a Las Vegas, ad esempio, una palestra interna non è riuscita a reggere dato il poco traffico di passeggeri (e quindi di clienti) ma i risultati sono comunque positivi.

Infine, nell’aeroporto di Dallas, il rimpiazzo di un ristorande ‘deli’ con uno più tradizionale con cibi freschi e alla griglia, ha fatto registrare un doppio fatturato.

 

LA T-SHIRT DI MONDO AEROPORTO A 9 € CON 2 ETICHETTE BAGAGLIO GRATIS LA TROVI QUI!

 

 

Fonte: News Republic

Comments

comments

Daniel Mazza
Viaggiatore classe '88, blogger per passione e creatore di MondoAeroporto. Il 2014 mi ha regalato un libro. Vivo con la valigia pronta e con il sorriso in tasca.