|

I 10 aforismi di viaggio più belli di Tiziano Terzani

Nella sua ultima docu-intervista Anam il senzanome, pochi mesi prima della sua scomparsa, Tiziano Terzani confessò «Ormai mi incuriosisce di più morire. Mi dispiace solo che non potrò scriverne».

 

 

Terzani non fu molto conosciuto in Italia durante la sua attività giornalistica, poiché la testata per la quale lavorava principalmente era un periodico tedesco, Der Spiegel (anche se scrisse saltuariamente per molte testate italiane), ma oggi è riconosciuto quale uno dei massimi scrittori italiani di viaggi del XX secolo, appassionato cronista del proprio tempo, entusiasta ricercatore della verità degli avvenimenti, dei suoi protagonisti e degli uomini suoi compagni di viaggio, fisico e spirituale: una mente tra le più lucide, progressiste e non violente di inizio XXI secolo.

 

Lo scrittore e giornalista toscano, scomparso nel 2004 dopo una vita vissuta da filosofo del viaggio, continua a far parlare di sé con i suoi libri che hanno ispirato moltitudine di lettori e viaggiatori, che grazie ai suoi racconti si sono innamorati dell’Asia. Tra questi ci sono anche io.

 

 

Ho deciso di raccogliere 10 frasi di Terzani legate al mondo dei viaggi, quelle che mi hanno colpito particolarmente.

 

1 – Fermati ogni tanto. Fermati e lasciati prendere dal sentimento di meraviglia davanti al mondo.

 

2 – In India si dice che l’ora più bella è quella dell’alba, quando la notte aleggia ancora nell’aria e il giorno non è ancora pieno, quando la distinzione fra tenebra e luce non è ancora netta e per qualche momento l’uomo, se vuole, se sa fare attenzione, può intuire che tutto ciò che nella vita gli appare in contrasto, il buio e la luce, il falso e il vero non sono che due aspetti della stessa cosa. Sono diversi, ma non facilmente separabili, sono distinti, ma non sono due. Come un uomo e una donna, che sono sì meravigliosamente differenti, ma che nell’amore diventano Uno | dal libro “Un altro giro di giostra”

 

3 – Il primo passo di ogni grande sapere è il sapere di non sapere. Solo se riusciremo a guardare l’universo come un tutt’uno in cui ogni parte riflette la totalità e in cui la grande bellezza sta nella diversità cominceremo a capire chi siamo e dove stiamo.

 

4 – Vivo ora, qui, con la sensazione che l’universo è straordinario, che niente ci succede per caso e che la vita è una continua scoperta. E io sono particolarmente fortunato perché, ora più che mai, ogni giorno è davvero un altro giro di giostra | dal libro “Un altro giro di giostra”

 

5 – Ogni posto è una miniera. Basta lasciarcisi andare. Darsi tempo, stare seduti in una casa da tè a osservare la gente che passa, mettersi in un angolo del mercato, andare a farsi i capelli e poi seguire il bandolo di una matassa che può cominciare con una parola, con un incontro, con l’amico di un amico di una persona che si è appena incontrata e il posto più scialbo, più insignificante della terra diventa uno specchio del mondo, una finestra sulla vita, un teatro d’umanità dinanzi al quale ci si potrebbe fermare senza più il bisogno di andare altrove. La miniera è esattamente là dove si è: basta scavare | dal libro “Un indovino mi disse”

 

6 – Chi pratica il Tao (Tao, in cinese, vuol dire “la via”) non ha che da essere in pace con se stesso, perché…
Senza uscire dalla porta
Conosce tutto quel che c’è da conoscere
Senza guardare dalla finestra
Vede le vie del cielo
Perché più lontano si va
Meno si capisce
Il Saggio arriva senza partire
Vede senza guardare
Fa senza fare | dal libro “Un altro giro di giostra”

 

7 – Perché non esistono scorciatoie a nulla: non certo alla salute, non alla felicità o alla saggezza. Niente di tutto questo può essere istantaneo. Ognuno deve cercare a modo suo, ognuno deve fare il proprio cammino, perché uno stesso posto può significare cose diverse a seconda di chi lo visita | dal libro “Un altro giro di giostra”

 

8 – I migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo senza chiedere nulla.

 

9 – Questo è un altro aspetto rasserenante della natura: la sua immensa bellezza è lì per tutti. Nessuno può pensare di portarsi a casa un’alba o un tramonto | dal libro “Un altro giro di giostra”

 

10 – Finirai per trovarla la Via… se prima hai il coraggio di perderti | dal libro “Un altro giro di giostra”